Categorie

Archivi

Download

 

giugno 2018
L M M G V S D
« dic    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
  • 14ott

    Il D.M. Ambiente 28 settembre 2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.230 dell’1 ottobre 2010,  proroga fino al 30 novembre prossimo il termine per la consegna alle aziende dei dispositivi Usb, ossia le chiavette per entrare nel sistema digitale di controllo del ciclo dei rifiuti.

    Fino al 30 novembre dunque l’attività su Sistri sarà puramente sperimentale e obbligatoria solo per chi è già in possesso dei dispositivi necessari.

    Il nuovo “Sistri-quater” prevede, inoltre, anche la proroga sino al 31 dicembre del c.d. regime “a doppio binario” (che doveva durare un solo mese) in base al quale le imprese dovranno iniziare ad utilizzare le nuove modalità informatiche per comunicare i dati della gestione e per “registrare” le movimentazioni dei rifiuti contestualmente alla compilazione dei “vecchi” documenti ambientali cartacei (FIR e registro di carico e scarico dei rifiuti) secondo quanto previsto dal TUA.

    Il nuovo decreto è stato motivato dalla prevedibile necessità di consentire il completamento della fase di configurazione e di consegna dei dispositivi elettronici (chiavette Usb, apparecchiature di monitoraggio per discariche e inceneritori e, per i soli trasportatori, black box). Sul fronte delle configurazioni per i trasporti si registrano i problemi più gravi, anche connessi alle “sim card”.

    Cosa succede adesso?

    In primo luogo il nuovo Decreto concede più tempo alle imprese per dotarsi dei dispositivi elettronici.

    Secondo le indicazioni della nota esplicativa del Dm 28 settembre 2010, dal 1° ottobre le imprese e gli enti già dotati dei dispositivi elettronici sono tenuti a effettuare i movimenti di carico relativi ai rifiuti prodotti, trasportati o gestiti utilizzando il Registro cronologico Sistri, mentre lo “scarico”di rifiuti caricati nel Registro di cui all’articolo 190 del d.lgs. n. 152/2006 nel periodo antecedente all’operatività del SISTRI potrà, sino al 31 dicembre 2010, essere riportato solo in tale Registro. Tuttavia, entro tale data, i soggetti tenuti devono “caricare” nel Registro cronologico i dati relativi a tutti i rifiuti “in giacenza” nel Registro di cui all’articolo 190.

    I soggetti iscritti al SISTRI ai quali, alla data del 1° ottobre 2010, non sono stati ancora consegnati i dispositivi, continuano a compilare unicamente il registro di carico e scarico e il formulario di identificazione dei rifiuti di cui agli articoli 190 e 193 del d.lgs. n. 152/2006.

     

    Le nuove scadenze

    Riepilogando, il “SISTRI-quater” dispone le seguenti proroghe:

    - lo spostamento dal 12 settembre al 30 novembre 2010 della data prevista per la conclusione della distribuzione delle chiavette usb e della installazione delle black box;

    - il differimento dal 1° novembre al 31 dicembre 2010 del termine della fase transitoria (il “regime a doppio binario” di cui all’art. 12, comma 2, DM 17 dicembre 2009).

    Cosa rimane inalterato?

     

    Vengono comunque confermati gli importi dei diritti di segreteria da versare alle Camere di Commercio per il ritiro dei dispositivi USB (“chiavette”) come da Decreto dirigenziale interministeriale del 17 giugno 2010 fissati in:

     

    € 16,00 per il rilascio del primo dispositivo per ciascuna unità locale,

    € 6, 00 per ogni dispositivo aggiuntivo relativo alla medesima unità locale

     

    Sanzioni

    Il nuovo Decreto assicura che durante i tre mesi di sperimentazione, ossia fino al 31 dicembre 2010, le sanzioni restano esclusivamente quelle relative alla violazione degli obblighi previsti dal d. lgs 152/2006 e s.m.i.

    Le sanzioni, vale a dire, per violazioni della normativa avente ad oggetto il Sistri, potranno essere applicate dal 1° gennaio 2011.

    Un passo, da parte del Ministro, nei confronti delle aziende che gestendo rifiuti, vivono un momento di grande confusione tecnica e procedurale.

     

    Ricordando che la data limite per l’uso della documentazione cartacea, e quindi del doppio regime, è slittata al 31 dicembre 2010 tiriamo un leggero sospiro di sollievo ma utilizziamo questo tempo concesso per capire un po’ meglio come entrare in sintonia con la nuova gestione informatizzata della realtà ambientale.

     

    Gli articoli che seguiranno consentiranno di restare informati sul prosieguo dell’entrata in vigore del nuovo sistema, nonché di eventuali novità normative ed interpretative provenienti dal Ministero dell’Ambiente.

     

    Un grazie alla Dott.ssa Raffaella Petrozzino per la stesura di questa nota esplicativa.

       
       

    Posted by Mauro @ 18:16

    Tags: , ,

Lascia un commento

Nota: I commenti sono moderati e devono essere approvati prima della pubblicazione. Se non lo vedi subito online non inviarne un altro. Sarà pubblicato quanto prima.